Kendo: seminario giovanissimi e juniores.

Nel fine settimana del 17 e 18 novembre si è svolto a La Loggia, presso il nostro amato Dynamic Dojo, il seminario federale dedicato ai giovanissimi e juniores del Kendo, con una forbice di età dai 5 ai 17 anni. Il seminario è stato tenuto dal Maestro Shimomura Masayuki, Kyoshi 7 Dan,  istruttore presso la polizia di Tokyo coadiuvato dai responsabili CIK del progetto giovani: Leonardo Brivio, 6 Dan  e Mattia Pizzamiglio, Renshi 6 Dan.

Per la Shubukan hanno partecipato in tre: Sasha Pomero (16 anni), Riki Armigliato (12 anni) e Davide Toso(16 anni). 
Abbiamo chiesto a Davide di raccontarci la sua esperienza, quindi lasciamo a lui la parola per raccontarci come è andata!

“Il seminario è stato davvero fantastico, probabilmente perché era specificamente dedicato a ragazzi come me.
Abbiamo fatto molti esercizi, che di primo impatto potevano sembrare molto semplici. Per alcuni esercizi ho fatto fatica a capirne subito l’utilità, ma nel corso del seminario mi sono reso conto della loro effettiva importanza.
Un esempio si puó ritrovare nell’esercizio di correre avanti e indietro, prima inspirando e poi gridando (quindi usando il nostro kiai). Mi sono reso conto della sua importanza perché mi ha aiutato a prolungare il mio kiai, che dovrebbe esplodere dopo ogni colpo.
Abbiamo continuato con esercizi sul Men, Kote e Do, dopodiché abbiamo fatto kirikaeshi e kote-men. Conclusa questa questa parte è iniziata la mia preferita: lo Shiai e il Jigeiko. 
La presenza del maestro Shimomura è stata certamente una buona occasione per migliorare e provare il mio Kendo al di fuori del mio percorso personale e del mio Dojo. I consigli del Maestro si sono concentrati molto sulla postura, ed insieme ai suggerimenti degli altri Sensei presenti mi aiuteranno sicuramente a progredire ancora di più.

Grazie mille Sensei Shimomura e grazie a tutti i Motodachi presenti che si sono prestati a farsi colpire da noi!”

Un ringraziamento speciale va alla CIK (Confederazione Italiana Kendo), per aver scelto di tenere questo seminario in uno dei nostri luoghi di pratica e per essere sempre attenta al futuro della nostra disciplina!

Lascia un commento